E se arrivano i pidocchi

Posted By: Riccardo Sirza In: Sub Category 1 On: Comment: 0 Hit: 723

E' un'infestazione causata dalla presenza di pidocchi, piccoli insetti grigio-biancastri senza ali, con il corpo appiattito e le zampe fornite di uncini particolari che permettono loro di attaccarsi fortemente ai capelli; sono forniti inoltre, di un apparato buccale adatto a perforare la cute (cuoio capelluto) e a succhiarne il sangue depositando un liquido che causa intenso prurito.

COSA TI PASSA PER LA TESTA?

La Pediculosi che cos'è?

E' un'infestazione causata dalla presenza di pidocchi, piccoli insetti grigio-biancastri senza ali, con il corpo appiattito e le zampe fornite di uncini particolari che permettono loro di attaccarsi fortemente ai capelli; sono forniti inoltre, di un apparato buccale adatto a perforare la cute (cuoio capelluto) e a succhiarne il sangue depositando un liquido che causa intenso prurito. 

Caratteristica fondamentale dei pidocchi è quella di vivere, quasi esclusivamente, sul corpo umano, poichè non possono vivere a lungo lontani dall'ospite

Il contagio avviene fra persona e persona, sia per contatto diretto che attraverso lo scambio di effetti personali quali: pettini, cappelli, asciugamani, sciarpe, cuscini ecc.

Sono necessari circa 30 secondi affinchè un pidocchio si trasferisca da una testa all'altra

La femmina del pidocchio depone le uova (lendini), che sono attaccate alla radice del capello con una loro colla naturale, difficilissima da sciogliere, sono opalescenti, lunghe circa 1 mm e di forma allungata.

Dopo 6-10 giorni si schiudono dando origine a una ninfa, che dopo 7-13 giorni diventa un pidocchio adulto.

Come si manifestano i pidocchi

L'infestazione può essere asintomatica o manifestarsi con un intenso prurito al capo. Ad un attento esame tra i capelli si notano, soprattutto all'altezza della nuca o dietro le orecchie, le lendini, che hanno l'aspetto di puntini bianchi o marrone chiaro, di forma allungata, traslucidi. Le lendini sono fortemente attaccate ai capelli da una particolare sostanza adesiva.

Cosa fare per evitare la diffusione della pediculosi?

Ogni persona affetta da pediculosi deve: 

  • Lavare i capelli con uno shampoo/gel specifico acquistabile in farmacia
  • Effettuare un'accurata ispezione del capo, con l'aiuto di una lente di ingrandimento e in un ambiente molto luminoso. Asportare le lendini con un pettinino a denti stretti
  • Effettuare un controllo sistematico a tutti i familiari, in particolare ai figli più piccolipettinino per pidocchi
  • Lavare la biancheria, lenzuola, federe, abiti ecc. a temperatura maggiore di 60°
  • Lavare accuratamente pettini e spazzole immergendoli in acqua calda per 10 minuti o utilizzando uno shampoo antiparassitario

Consigli pratici

Lavare i capelli con prodotti che dicono di prevenire il contagio NON è utile, sebbene sia una pratica molto diffusa.

Una raccomandazione per genitori e insegnanti:

i pidocchi vivono esclusivamente sulla testa degli esseri umani, è inutile disinfettare indumenti, oggetti o ambienti, è sufficiente la regolare pulizia quotidiana e seguire norme comportamentali corrette:

  • evitare di scambiarsi spazzole, pettini, sciarpe, cappelli, asciugamani ecc.
  • lavare i capelli almeno una volta alla settimana
  • tenere legati i capelli soprattutto a scuola, e durante le attività ricreative

nessun prodotto ha effetto preventivo, 

per cui non si può escludere una successiva re-infestazione

Bimbi si lavano i capelli

INUTILE FARSI PRENDERE DAL PANICO!

Liberarsi dai pidocchi si può!!!

Basta solo avere un pò di pazienza e seguire alcune regole pratiche.

E' bene proseguire con un'ispezione periodica dei capelli per tenere sotto controllo la situazione

Tuttavia è scorretto usare i prodotti per l'eliminazione dei pidocchi se non vi è infestazione.

La frequenza scolastica è possibile anche mentre si sta effettuando il trattamento!

Comments

Leave your comment